Dove Siamo:Via Adige 7, Cursi 73020 LE
Seguici su

Gli indici specifici

L’applicazione degli indici per determinate imprese avviene con regole diverse da quelle generali. In particolare, le categorie di imprese sono le seguenti...

L’applicazione degli indici per determinate imprese avviene con regole diverse da quelle generali. In particolare, le categorie di imprese sono le seguenti:

  • imprese costituite da meno di due anni;
  • imprese in liquidazione;
  • start-up innovative;
  • cooperative e consorzi.

Per le imprese costituite da meno di due anni l’unico indice applicabile è il Patrimonio netto negativo. Trovano applicazione gli indici generali nel caso in cui l’impresa o la società neocostituita sia succeduta ad altra nella conduzione o nella titolarità dell’azienda. Le casistiche sono:

  • società beneficiarie di un complesso o di un ramo aziendale per effetto di una operazione di scissione;
  • società incorporanti in una operazione di fusione o risultanti dalla fusione;
  • società conferitarie di un complesso o di un ramo aziendale;
  • imprese acquirenti un complesso od un ramo aziendale già esistente;
  • imprese che conducono in affitto un complesso o un ramo aziendale già esistente.

Per quanto riguarda le imprese in liquidazione, a patto che abbiano cessato l’attività, l’unico indice rilevante della crisi è costituito dal rapporto tra il valore di realizzo dell’attivo liquidabile ed il debito complessivo della società. Anche la presenza di reiterati e significativi ritardi nei pagamenti o un DSCR inferiore all’unità sono indici utilizzabili sono utilizzati per intercettare uno stato di crisi. La presenza di un patrimonio netto negativo non è significativo poiché tale valore potrebbe derivare da un minor valore di libro delle attività rispetto a quanto realizzabile dalla loro liquidazione.

Per le start-up innovative rileva la capacità di ottenere risorse finanziarie da soci, obbligazionisti, banche, intermediari finanziari che congiuntamente alle sovvenzioni ed ai contributi pubblici permettano di proseguire nello studio e nello sviluppo dell’iniziativa imprenditoriale. In presenza di debito attuale o derivante dagli impegni assunti, l’indice di crisi risiede nella capacità di ottenere le risorse finanziarie per la continuazione dell’attività di studio e di sviluppo, quando un momento di criticità è costituito dalla sua sospensione per almeno 12 mesi. Per la determinazione dell’indice si utilizza il DSCR, tenendo conto del fabbisogno finanziario minimo per la continuazione dell’attività di studio e sviluppo del progetto. Non hanno rilevanza determinante per l’individuazione di uno stato di crisi l’assenza di ricavi ed i risultati economici negativi.

Infine, per le cooperative, in relazione al prestito sociale, la determinazione del DSCR a 6 mesi tiene conto dei flussi attesi, per versamenti e rimborsi del prestito stesso, secondo una stima ragionevole, basata sulle evidenze storiche dei relativi movimenti non precedenti a tre anni.

L’indice di adeguatezza patrimoniale, in presenza di prestito sociale, potrà essere modificato sulla base di quanto previsto al comma 3 dell’articolo 13 per tenere contro della incidenza di richieste di rimborso dei prestiti soci sulla base delle evidenze storiche non precedenti a tre anni.

Nella determinazione dell’indice di liquidità, la voce relativa al passivo a breve termine, in relazione al prestito sociale, deve tenere conto delle precisazioni e delle valutazioni effettuate con riferimento al calcolo del DSCR e dell’indice di adeguatezza patrimoniale. Inoltre, per le cooperative agricole di conferimento, per le cooperative edilizie di abitazione, per i consorzi e le società consortili, inclusi i consorzi cooperativi, l’indice di adeguatezza patrimoniale potrà essere modificato sulla base di quanto previsto al co. 3 dell’art. 13, tenendo conto dei debiti verso soci riferiti allo scambio mutualistico.

CHI SIAMO
La TOP CONSULTING è un’affermata società che si occupa di consulenza finanziaria e strategia aziendale. Trova origine nell’esperienza della dott.ssa Maria Marrocco le cui competenze accademiche e la molteplici esperienze professionali hanno permesso di creare una struttura in grado di soddisfare tutte le esigenze in tema di finanza delle piccole e medie imprese.

L’esperienza dei partner di www.crisidimpresa.net è almeno trentennale e conta di centinaia di incarichi di consulenza portati avanti con successo. Una consulenza che ha sempre operato per obiettivi specifici fissati e determinati e per i quali è stato sempre chiaro lo specifico vantaggio per il cliente.

SEGUICI SU FACEBOOK

SOCIAL