Dove Siamo:Via Adige 7, Cursi 73020 LE
Seguici su

Modalità di calcolo

 Tale indice è determinato sottraendo al valore del “Patrimonio netto” (totale voce A, sezione passivo dello stato patrimoniale, articolo 2424 cod. civ) i “crediti verso soci per versamenti ancora dovuti” (voce A, stato patrimoniale attivo) ed eventuali...

Patrimonio netto negativo

 Tale indice è determinato sottraendo al valore del “Patrimonio netto” (totale voce A, sezione passivo dello stato patrimoniale, articolo 2424 cod. civ) i “crediti verso soci per versamenti ancora dovuti” (voce A, stato patrimoniale attivo) ed eventuali dividendi deliberati non ancora contabilizzati. Nel “patrimonio netto” non si tiene conto dell’eventuale “Riserva per operazioni di copertura dei flussi finanziari attesi”, indipendentemente dal suo saldo, in linea con quanto disposto dall’articolo 2426 cod. civ, comma 1, n. 11-bis.

Dscr (Debt Service Coverage Ratio)

L’utilizzo di tale indice è ammesso a condizione che gli organi di controllo considerino affidabili i dati assunti per il calcolo, secondo il proprio giudizio professionale. La base di partenza per la costruzione dei flussi di cassa rilevanti è il budget di tesoreria. Per la determinazione del DSCR possono essere utilizzati alternativamente due approcci basati sul budget di tesoreria.

Primo approccio

Il DSCR proviene da un budget di tesoreria, redatto dall’impresa, che rappresenta le entrate e le uscite di cassa attese nei 6 mesi successivi. Dal budget di tesoreria si ottengono il numeratore ed il denominatore dell’indice.

Il numeratore è rappresentato dal totale delle entrate di cassa previste nei 6 mesi successivi, giacenze di cassa iniziali incluse, a cui si sottraggono tutte le uscite di cassa previste nei successivi 6 mesi, ad eccezione dei rimborsi dei debiti posti al denominatore.

Il denominatore, invece, comprende la somma di tutte le uscite previste contrattualmente per rimborsare i debiti finanziari (verso banche o altri finanziatori). Il rimborso è inteso come pagamento della quota capitale contrattualmente previsto per i successivi 6 mesi.

Secondo approccio

La determinazione del DSCR è effettuata mediante il rapporta tra i flussi di cassa complessivi liberi al servizio del debito attesi nei sei mesi successivi ed i flussi necessari per rimborsare il debito non operativo che scade negli stessi sei mesi.

Il numeratore, rappresentato dai flussi di cassa al servizio del debito, è costituito dai seguenti elementi:

  1. I flussi operativi al servizio del debito;
  2. Le disponibilità liquide iniziali;
  3. Le linee di credito disponibili che possono essere utilizzate nell’orizzonte temporale di riferimento.

Il denominatore, invece, corrisponde al debito non operativo che deve essere rimborsato nei successivi 6 mesi. Esso è costituito dai seguenti elementi:

  1. pagamenti previsti (capitale ed interessi) del debito finanziario;
  2. debito fiscale o contributivo, comprensivo di sanzioni ed interessi, non corrente e cioè debito il cui versamento non è stato effettuato alle scadenze di legge (e pertanto è o scaduto ovvero oggetto di rateazioni), il cui pagamento, anche in virtù di rateazioni e dilazioni accordate, scade nei successivi sei mesi;
  3. debito nei confronti dei fornitori e degli altri creditori il cui ritardo di pagamento supera i limiti della fisiologia.

Se il debito deriva da piani di rientro accordati dai fornitori/creditori, rileva la parte di essi, comprensiva dei relativi interessi, che scade nei 6 mesi.

Gli indici di settore

Le modalità di calcolo degli indici di settore sono i seguenti:

  • Indice di sostenibilità degli oneri finanziari.

Tale indice è rappresentato dal rapporto tra gli oneri finanziari ed il fatturato ed include:

– al numeratore, gli interessi e altri oneri finanziari di cui alla voce C.17 art. 2425 c.c.;

– al denominatore, i ricavi netti, ovvero la voce A.1) Ricavi delle vendite e prestazioni dell’art. 2425 c.c.

  • Indice di adeguatezza patrimoniale.

È costituito dal rapporto tra il patrimonio netto ed i debiti totali ed include:

– al numeratore, il patrimonio netto costituito dalla voce A stato patrimoniale passivo dell’art. 2424 c.c., sottratti i crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (voce A stato patrimoniale attivo) ed i dividendi deliberati;

– al denominatore, i debiti totali costituiti da tutti i debiti (voce D passivo dell’art. 2424 c.c.), indipendentemente dalla loro natura e dai ratei e risconti passivi (voce E passivo dell’art. 2424 c.c.).

  • Indice di ritorno liquido dell’attivo.

È rappresentato dal rapporto tra il cash flow ed il totale attivo e comprende:

– al numeratore, il cash flow determinato come somma del risultato dell’esercizio e dei costi non monetari (ad.es, ammortamenti, svalutazioni crediti, accantonamenti per rischi), dal quale sottrarre i ricavi non monetari (ad.es, rivalutazioni partecipazioni, imposte anticipate);

– al denominatore il totale dell’attivo dello stato patrimoniale art. 2424 c.c.

  • Indice di liquidità.

Esso è costituito dal rapporto tra il totale delle attività ed il totale delle passività a breve termine ed include:

– al numeratore, l’attivo a breve termine quale risultante dalla somma delle voci dell’attivo circolante (voce C attivo dell’art. 2424 c.c.) esigibili entro l’esercizio successivo e i ratei e risconti attivi (voce D attivo dell’art. 2424 c.c.);

– al denominatore, il passivo a breve termine costituito da tutti i debiti (voce D passivo) esigibili entro l’esercizio successivo e dai ratei e risconti passivi (voce E).

  • Indice di indebitamento previdenziale o tributario.

Quest’ultimo indice è ottenuto dal rapporto tra il totale dell’indebitamento previdenziale e tributario ed il totale dell’attivo e comprende:

– al numeratore, l’Indebitamento tributario rappresentato dai debiti tributari (voce D.12 passivo dell’art. 2424 c.c.) esigibili entro e oltre l’esercizio successivo, l’Indebitamento previdenziale costituito dai debiti verso istituti di previdenza e assistenza sociale (voce D.13 passivo dell’art. 2424 c.c.) esigibili entro e oltre l’esercizio successivo;

– al denominatore, l’attivo netto corrispondente al totale dell’attivo dello stato patrimoniale art. 2424 c.c.

Un efficace sistema di allerta interno dovrebbe essere idoneo a captare in anticipo le situazioni di crisi prima che queste si trasformino in insolvenza, cercando di evitare al tempo stesso il più possibile le false segnalazioni.

È opinione del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili che gli indici rappresentati dal Patrimonio Netto Negativo e il DSCR siano in grado, se determinati correttamente, di intercettare tutte le situazioni rilevanti.

https://www.crisidimpresa.net/wp-content/uploads/2020/12/tabella-alert.jpg
CHI SIAMO
La TOP CONSULTING è un’affermata società che si occupa di consulenza finanziaria e strategia aziendale. Trova origine nell’esperienza della dott.ssa Maria Marrocco le cui competenze accademiche e la molteplici esperienze professionali hanno permesso di creare una struttura in grado di soddisfare tutte le esigenze in tema di finanza delle piccole e medie imprese.

L’esperienza dei partner di www.crisidimpresa.net è almeno trentennale e conta di centinaia di incarichi di consulenza portati avanti con successo. Una consulenza che ha sempre operato per obiettivi specifici fissati e determinati e per i quali è stato sempre chiaro lo specifico vantaggio per il cliente.

SEGUICI SU FACEBOOK

SOCIAL